Un nuovo esame del sangue può identificare ogni virus che tu abbia mai avuto

Ti sei mai chiesto quali virus persistono ancora nel tuo corpo? 

Ora puoi scoprirlo con una nuova tecnologia chiamata VirScan. 

Con meno di una goccia di sangue, VirScan è in grado di identificare tutti i virus a cui sei stato esposto nel corso della tua vita. 

I dettagli della tecnologia sono delineati nel documento “Profilazione sierologica completa delle popolazioni umane utilizzando un viroma umano sintetico”, che è riassunto nella rivista Scienze.

Per saperne di più: il nuovo metodo di screening potrebbe rilevare il doppio dei casi di cancro ovarico »

Tecnologia rivoluzionaria

Stephen J. Elledge, Ph.D., coautore dell’articolo e professore di genetica presso la Harvard Medical School e al Brigham and Women’s Hospital, nonché ricercatore presso l’Howard Hughes Medical Institute, afferma che la tecnologia è rivoluzionaria in che cerca contemporaneamente gli anticorpi contro tutti i virus umani conosciuti. La diagnostica standard esamina un solo virus.

“Ciò significa che è possibile esaminare l’esposizione virale in modo imparziale senza dover sospettare una particolare infezione prima del tempo”, ha detto. “Dal punto di vista della salute personale, potresti immaginare un esame del sangue annuale per tutte le esposizioni virali per cercare di trovare infezioni prima che causino sintomi”.

Ad esempio, ha detto Elledge, molte persone non sono consapevoli di essere infette dal virus dell’epatite C, che può causare danni al fegato e cancro. 

“Spesso, questo è perché i pazienti non mostrano sintomi per molti anni e quindi non vengono testati per questo particolare virus”, ha detto Elledge. “Allo stesso modo, il nostro approccio potrebbe essere utile per i pazienti con malattie non diagnosticate in cui non è chiaro quali virus testare”.

Per saperne di più: Gli effetti dell’epatite C sul corpo »

VirScan utilizza i peptidi per la scansione dei virus

VirScan fornisce uno strumento per studiare le interazioni tra la raccolta di virus noti per infettare gli esseri umani, alcuni dei quali non causano sintomi, e il sistema immunitario, che può essere alterato in modo permanente dall’esposizione virale. 

Elledge ei suoi colleghi hanno testato VirScan su 569 persone in tutto il mondo e hanno scoperto che, in media, i partecipanti erano stati esposti a circa 10 specie virali nel corso della loro vita. 

Fino ad ora, gli esami del sangue che misuravano la quantità di virus basati sugli anticorpi rilasciati dal sistema immunitario erano stati limitati dal numero di interazioni virus-anticorpi che potevano controllare.

Per identificare un numero maggiore di anticorpi, i ricercatori hanno utilizzato peptidi (molecole biologiche presenti in natura) di 206 specie virali, che rappresentano più di 1,000 diversi ceppi virali, per creare una rappresentazione sintetica di tutti i peptidi virali umani. 

I campioni dei partecipanti allo studio hanno scoperto più di 106 milioni di interazioni peptide-anticorpo. Mentre la maggior parte delle persone era stata esposta a circa 10 virus, un paio di partecipanti erano stati infettati da 84 specie virali. 

I ricercatori suggeriscono che l’accuratezza di VirScan potrebbe essere migliorata con più campioni di sangue. Potrebbe anche essere adattato per studiare la risposta degli anticorpi a cose come batteri, funghi e varie malattie.

“I virus possono svolgere un ruolo in malattie complesse come il diabete di tipo 1 e la sindrome da stanchezza cronica”, ha detto Elledge. “Possiamo cercare in modo completo le esposizioni virali correlate a questo tipo di malattie in un modo che sarebbe impossibile se si dovesse testare separatamente ogni virus”. 

Notizie correlate: CDC annuncia la scoperta di un nuovo virus mortale »

Lascia un commento