Sintomi della febbre da fieno: fattori scatenanti, complicazioni e trattamento

Cos’è la febbre da fieno?

La febbre da fieno è una condizione comune che colpisce quasi 18 milioni di americani, secondo il Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC). Conosciuto anche come rinite allergica o allergie nasali, il raffreddore da fieno può essere stagionale, perenne (per tutto l’anno) o professionale. La rinite si riferisce a irritazione o infiammazione del naso.

I sintomi comunemente includono:

  • naso che cola
  • congestione nasale
  • starnuti
  • occhi lacrimosi, arrossati o pruriginosi
  • tosse
  • prurito alla gola o al palato
  • gocciolamento nasale
  • prurito al naso
  • pressione e dolore sinusale
  • prurito della pelle

I sintomi possono diventare a lungo termine se la febbre da fieno non viene trattata.

Per saperne di più: Diagnosi di una tosse da febbre da fieno »

Continua a leggere per saperne di più sui sintomi del raffreddore da fieno e su come gestirli o trattarli.

In che modo i sintomi della febbre da fieno differiscono da altre condizioni?

Sebbene i sintomi della febbre da fieno e quelli del raffreddore possano sembrare simili, la differenza più grande è che un raffreddore causerà febbre e dolori muscolari. Anche i trattamenti per entrambe le condizioni sono molto diversi.

Differenza Febbre da fieno FreddoTempo La febbre da fieno inizia immediatamente dopo l’esposizione a un allergene, il raffreddore inizia da uno a tre giorni dopo l’esposizione a un virus Durata La febbre da fieno dura per tutto il tempo in cui si è esposti agli allergeni, in genere diverse settimane. Sintomi La febbre da fieno produce un naso che cola con una secrezione acquosa e sottile.I raffreddori causano un naso che cola con secrezione più densa che può essere di colore giallo.Febbre La febbre da fieno non causa febbre.I raffreddori causano tipicamente una febbre di basso grado.

Maggiori informazioni sulle differenze tra allergie e raffreddori »

Altre condizioni

Altre condizioni con sintomi simili alla febbre da fieno:

  • testa fredda
  • rinite infettiva, include l’infezione del tratto respiratorio superiore
  • rinite irritante, reazione a cambiamenti fisici o sostanze chimiche
  • sinusite

A differenza della febbre da fieno, queste condizioni possono anche causare febbri.

Sintomi di febbre da fieno nei neonati e nei bambini

La febbre da fieno è estremamente comune nei bambini, sebbene si sviluppi raramente prima dei 3 anni di età. Ma è importante trattare i sintomi dell’allergia, specialmente nei neonati e nei bambini. Gravi sintomi di febbre da fieno possono svilupparsi in condizioni di salute a lungo termine come asma, sinusite o infezioni croniche dell’orecchio. Recente studi mostrano che la genetica può indicare se tuo figlio svilupperà l’asma insieme alla febbre da fieno.

I bambini più piccoli possono avere più problemi ad affrontare i sintomi del raffreddore da fieno. Può influenzare la loro concentrazione e il sonno. A volte i sintomi vengono confusi con il comune raffreddore. Ma tuo figlio non avrà la febbre come potrebbe con il raffreddore ei sintomi persisteranno oltre alcune settimane.

Quali sono i sintomi a lungo termine della febbre da fieno?

I sintomi della febbre da fieno spesso iniziano immediatamente dopo l’esposizione a un allergene specifico. Avere questi sintomi per più di pochi giorni può causare:

  • orecchie intasate
  • mal di gola
  • diminuzione dell’olfatto
  • mal di testa
  • brillantini allergici o occhiaie sotto gli occhi
  • fatica
  • irritabilità
  • gonfiore sotto gli occhi

Hai un’eruzione cutanea da febbre da fieno? »

L’esperienza di questi sintomi nel tempo può avere un effetto negativo su:

  • qualità del sonno
  • sintomi dell’asma
  • qualità della vita in quanto i sintomi possono rendere le attività meno piacevoli o renderti meno produttivo al lavoro ea scuola, o addirittura richiedere che tu rimanga a casa dal lavoro o dalla scuola
  • infezioni dell’orecchio, soprattutto nei bambini
  • occhi o congiuntivite allergica, che si verifica quando l’allergene irrita la membrana sopra l’occhio
  • infiammazione dei seni, che può diventare sinusite a causa di una congestione persistente

Alcuni pazienti dicono che la febbre da fieno si sente come un raffreddore, soprattutto se continua per un lungo periodo di tempo e i sintomi peggiorano.

Quali sono le cause delle allergie al raffreddore da fieno?

I sintomi della febbre da fieno di solito iniziano subito dopo l’esposizione all’allergene. Gli allergeni possono essere all’interno o all’esterno stagionalmente o per tutto l’anno.

Gli allergeni comuni includono:

  • polline
  • muffe o funghi
  • pelliccia o peli di animali domestici
  • acari della polvere
  • fumo di sigaretta
  • profumo

Questi allergeni attiveranno il tuo sistema immunitario, che identifica erroneamente la sostanza come qualcosa di dannoso. In risposta a questo, il tuo sistema immunitario produce anticorpi per difendere il tuo corpo. Gli anticorpi segnalano ai vasi sanguigni di allargarsi e al corpo di produrre sostanze chimiche infiammatorie, come l’istamina. È questa risposta che causa i sintomi del raffreddore da fieno.

Fattori genetici

La probabilità di sviluppare allergie aumenta anche se qualcuno nella tua famiglia soffre di allergie. Questo studio ha scoperto che se i genitori hanno malattie legate alle allergie, aumenta le possibilità che i loro figli sviluppino la febbre da fieno. L’asma e l’eczema non correlato all’allergia non influiscono sul fattore di rischio per la febbre da fieno.

Cosa fa scattare i tuoi sintomi?

I tuoi sintomi possono variare a seconda del periodo dell’anno, del luogo in cui vivi e dei tipi di allergie che hai. Conoscere questi fattori può aiutarti a prepararti ai sintomi. L’inizio della primavera colpisce spesso le persone con allergie stagionali, ma la natura fiorisce in diversi periodi dell’anno. Per esempio:

  • Il polline degli alberi è più comune all’inizio della primavera.
  • Il polline delle graminacee è più comune in tarda primavera e in estate.
  • Il polline di ambrosia è più comune in autunno.
  • Le allergie ai pollini possono peggiorare nelle giornate calde e secche quando il vento trasporta il polline.

Ma i sintomi della febbre da fieno possono comparire tutto l’anno, se sei allergico agli allergeni indoor. Gli allergeni interni includono:

  • acari della polvere
  • peli di animali domestici
  • scarafaggi
  • muffe e spore fungine

A volte i sintomi di questi allergeni possono comparire anche stagionalmente. Le allergie alle spore della muffa tendono ad essere peggiori durante il clima più caldo o più umido.

Cosa peggiora i sintomi della febbre da fieno?

I sintomi della febbre da fieno possono anche essere aggravati da altri irritanti. Questo perché il raffreddore da fieno provoca infiammazione nel rivestimento del naso e rende il naso più sensibile alle sostanze irritanti nell’aria.

Questi irritanti includono:

  • fumo di legna
  • inquinamento dell’aria
  • fumo di tabacco
  • vento
  • spray per aerosol
  • odori forti
  • cambiamenti di temperatura
  • cambiamenti di umidità
  • fumi irritanti

Quando dovrei visitare un medico per la febbre da fieno?

I sintomi della febbre da fieno non sono quasi mai pericolosi immediatamente. Durante la diagnosi per la febbre da fieno non sono necessari test allergologici. Dovresti consultare un medico se i tuoi sintomi non rispondono ai farmaci da banco (OTC). Puoi chiedere al tuo medico o specialista un test allergologico se sei interessato a conoscere la causa esatta della tua allergia.

Rivolgiti al medico se si verifica una delle seguenti condizioni:

  • I tuoi sintomi durano più di una settimana e ti danno fastidio.
  • I farmaci per l’allergia da banco non ti stanno aiutando.
  • Hai un’altra condizione, come l’asma, che sta peggiorando i sintomi della febbre da fieno.
  • La febbre da fieno si manifesta tutto l’anno.
  • I tuoi sintomi sono gravi.
  • I farmaci per l’allergia che stai assumendo causano fastidiosi effetti collaterali.
  • Ti interessa sapere se i colpi di allergia o l’immunoterapia sono una buona opzione per te.

Come trattare o gestire i tuoi sintomi

Sono disponibili trattamenti e programmi domiciliari per ridurre i sintomi. Puoi ridurre le possibilità di entrare in contatto con polvere e muffe pulendo e arieggiando regolarmente le stanze. Per le allergie all’aperto, puoi scaricare poncho, un’app meteo che ti dice qual è il conteggio dei pollini e la velocità del vento.

Altri cambiamenti nello stile di vita includono:

  • tenere le finestre chiuse per evitare che i pollini entrino
  • indossare occhiali da sole per coprirsi gli occhi quando sei all’aperto
  • utilizzando un deumidificatore per controllare la muffa
  • lavarsi le mani dopo aver accarezzato animali o aver interagito con loro in uno spazio arioso

Per alleviare la congestione, prova a usare una pentola neti o spray salini. Queste opzioni possono anche ridurre il gocciolamento postnasale, che contribuisce al mal di gola.

Le opzioni di trattamento per i bambini includono:

  • lacrime
  • risciacqui nasali salini
  • antistaminici non sonnolenti
  • colpi di allergia, che vengono spesso somministrati a bambini di età pari o superiore a 5 anni

Ulteriori informazioni sui modi migliori per trattare le allergie stagionali »

Anche cucinare o condire cibi o bevande con la curcuma può essere efficace. La curcuma contiene proprietà antiallergiche e decongestionanti naturali. Studi ha scoperto che la curcuma sopprime le reazioni allergiche.

Altri trattamenti alternativi hanno meno prove dei loro benefici, ma alcune persone sentono una differenza dopo aver incorporato questi alimenti nella loro dieta. Questi alimenti includono:

  • burro di arbusti, senza PA
  • spirulina
  • capsico
  • vitamina C
  • olio di pesce

Si pensa anche che il miele aiuti a ridurre le allergie stagionali. Quelli allergici alle api non dovrebbero consumare miele non trasformato. Se non altro, il miele può aiutare a lenire la gola irritata o irritata.

Farmaci

Molti antistaminici non sonnolenti sono ora disponibili al banco. Potresti essere in grado di prevenire lo sviluppo dei sintomi se li prendi prima che il polline sia nell’aria. Chiedi al tuo farmacista cosa funzionerà meglio per te. Potrebbe essere necessario prescrivere farmaci se i sintomi sono gravi. Questi possono includere immunoterapia o colpi di allergia.

Lascia un commento