QI medio: Stati Uniti, a livello globale, come viene misurato e controversie

Descrizione

“QI” sta per “quoziente di intelligenza”. Il QI di una persona è un punteggio derivato da test standardizzati progettati per misurare l’intelligenza umana e il potenziale intellettuale. I test del QI includono una serie di domande che misurano le capacità di ragionamento e di risoluzione dei problemi.

I punteggi del QI sono spesso usati per l’inserimento in programmi educativi o scolastici o per valutare qualcuno per disabilità mentali. I test del QI vengono talvolta utilizzati anche come parte di una domanda di lavoro.

La ricerca ha scoperto che il QI medio è diverso in tutto il mondo. La ragione di questa disparità è stata di grande interesse per gli scienziati per un bel po ‘di tempo. È stata anche una delle principali fonti di controversia.

Il dibattito si incentra sul fatto che queste differenze nel QI siano causate da fattori genetici, ambientali o da entrambi. Questo è il motivo per cui capire cosa significa il QI medio e cosa non significa è incredibilmente importante.

Qual è il QI medio a livello globale e negli Stati Uniti?

I test del QI sono fatti per avere un punteggio medio di 100. Gli psicologi rivedono il test ogni pochi anni per mantenere 100 come media. La maggior parte delle persone (circa il 68%) ha un QI compreso tra 85 e 115. Solo una piccola frazione di persone ha un QI molto basso (inferiore a 70) o un QI molto alto (superiore a 130).

Il QI medio negli Stati Uniti è 98.

Negli anni diversi ricercatori, tra cui Lynn e Vanhanen (2002) Rinderman (2007), e Lynn e Meisenberg (2010), hanno cercato di capire come ogni paese si classifica in termini di QI.

Secondo i risultati di Lynn e MeisenbergNella ricerca, ad esempio, su 108 paesi e province, gli Stati Uniti sono al 24 ° posto nel QI a livello globale (a pari merito con Australia, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Lettonia e Spagna) con un QI medio di 98. I primi 10 paesi in media IQ sono:

1. Hong Kong (108)

2. Singapore (108)

3. Corea del Sud (106)

4. Cina (105)

5. Giappone (105)

6. Taiwan (105)

7. Islanda (101)

8. Macao (101)

9. Svizzera (101)

10. Austria (oltre a Liechtenstein, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Regno Unito) (100)

Secondo stesso studio, gli ultimi 10 paesi in base al QI medio sono:

93. Kenya (così come Namibia, Sud Africa, Tanzania) (72)

94. Zimbabwe (72)

95. Botswana (71)

96. Ghana (71)

97. Zambia (71)

98. Nigeria (69)

99. Swaziland (68)

100. Lesotho (67)

101. Mozambico (64)

102. Malawi (60)

Gli studi utilizzati per supportare questi dati, tuttavia, sono controversi. Ciò è in parte dovuto al fatto che potrebbero aver considerato solo gruppi di popolazione specifici o una piccola dimensione del campione per paese.

Come viene misurato il QI?

I moderni test del QI negli Stati Uniti provengono dal lavoro di uno psicologo Henry Herbert Goddard. Goddard ha contribuito a tradurre in inglese un test di intelligenza sviluppato dallo psicologo francese Alfred Binet.

Questo test è stato utilizzato da Binet per valutare le funzioni intellettuali di base nei bambini in età scolare e per assistere con le diagnosi di salute mentale. I test del QI si sono evoluti notevolmente da allora. Oggi esistono più di una dozzina di test diversi utilizzati per misurare l’intelligenza.

In generale, un test del QI viene utilizzato per valutare le capacità di ragionamento e di risoluzione dei problemi di una persona. Alcuni dei test del QI più utilizzati includono:

  • Wechsler Intelligence Scale for Children (WISC-V)
  • Wechsler Intelligence Scale for Adults (WAIS)
  • Stanford-Binet Intelligence Scale
  • Scale di abilità differenziale (DAS)
  • Peabody Individual Achievement Test

I test sono forniti da psicologi autorizzati. Di solito sono composti da più parti. La Wechsler Intelligence Scale, ad esempio, contiene 15 test secondari.

Ogni test parziale misura un aspetto diverso del QI, come matematica, lingua, ragionamento, memoria e velocità di elaborazione delle informazioni. I risultati vengono quindi combinati in un punteggio chiamato QI. Anche i punteggi vengono adeguati in base all’età.

QI in aumento

Dall’inizio del 1900, i punteggi grezzi sui test del QI sono ampiamente aumentati nella maggior parte del mondo. Questo fenomeno è talvolta chiamato “effetto Flynn” dal nome dello scienziato che lo ha scoperto, James Flynn.

Negli anni ‘1980, Flynn ha notato che il personale militare statunitense che ha eseguito i test del QI negli anni ‘1980 ha fatto molto meglio di quelli che hanno sostenuto lo stesso test negli anni ‘1950. Dopo aver svolto ulteriori ricerche, Flynn ha scoperto che i punteggi del QI erano aumentati in tutto il mondo di circa tre punti o più per decennio.

Inoltre, non siamo necessariamente diventati più intelligenti o più evoluti dei nostri antenati.

Gli scienziati ritengono che questo aumento del QI sia dovuto al fatto che abbiamo migliorato le nostre capacità di pensare in modo logico, risolvere problemi e considerare situazioni ipotetiche. È anche probabilmente dovuto a un aumento dell’istruzione formale, delle vaccinazioni e di una migliore alimentazione.

Perché il test è controverso

Il QI medio è stato un argomento controverso sin da quando sono stati inventati i test di intelligenza.

Alcune persone credono erroneamente che persone di determinate razze, sessi o background abbiano un QI più basso a causa dei loro geni e che siano quindi inferiori. Queste informazioni sono state utilizzate per alimentare programmi razzisti e movimenti eugenetici in tutto il mondo.

Mentre un certo numero di geni individuali è stato segnalato per essere associato al QI, nessuno lo è stato mostrato per avere un forte effetto. Il Associazione Americana di Psicologia inoltre non ha trovato prove a supporto di spiegazioni genetiche per le differenze di punteggio del QI tra razze diverse.

Gli studi, inoltre, non sono stati in grado di trovare una differenza nei punteggi medi del QI tra uomini e donne.

È anche importante ricordare che il concetto di test del QI e del QI è stato sviluppato dagli europei occidentali secondo i propri standard culturali. Non è ancora chiaro se il QI possa misurare con precisione l’intelligenza in persone con strutture sociali, culture, credenze e modi di pensare completamente diversi.

Inoltre, è chiaro che i fattori ambientali giocano un ruolo enorme nel QI medio. I fattori che sono stati associati positivamente a un QI più elevato includono:

  • Nutrizione corretta
  • scolarizzazione regolare di buona qualità
  • leggi che richiedono il rafforzamento di determinati prodotti alimentari
  • leggi che stabiliscono livelli sicuri di inquinanti, come il piombo
  • formazione musicale nell’infanzia
  • status socioeconomico più elevato
  • minore incidenza di malattie infettive

A recente studio ha scoperto che la malattia infettiva può essere l’unico fattore predittivo veramente importante del QI medio. I ricercatori ritengono che ciò sia dovuto al fatto che se un bambino si ammala, il corpo usa la sua energia per combattere l’infezione piuttosto che usarla per lo sviluppo del cervello.

Uno studio hanno scoperto che le capacità cognitive e le prestazioni scolastiche erano compromesse nelle persone affette da malaria (una malattia infettiva diffusa dalle zanzare) rispetto ai controlli sani.

A studio fatto negli Stati Uniti ha trovato una forte correlazione tra stati con una maggiore incidenza di malattie infettive e un QI inferiore.

Il QI non è l’unico modo per misurare l’intelligenza

Il QI medio è ampiamente utilizzato per misurare l’intelligenza umana ed è uno strumento utile. Tuttavia, viene fornito con molti avvertimenti. Il QI medio varia in base al paese e alcune persone hanno manipolato queste informazioni per giustificare motivazioni razziste.

Tuttavia, è stato dimostrato che fattori ambientali, come l’accesso all’istruzione e a una corretta alimentazione, nonché l’incidenza di malattie infettive, giocano un ruolo più importante nello spiegare la differenza di QI da paese a paese.

Un punteggio QI probabilmente non racconta tutta la storia. Sebbene i punteggi del QI possano darci importanti intuizioni sull’intelligenza, potrebbe non riuscire a misurare definizioni più ampie di intelletto, come creatività, curiosità e intelligenza sociale.

Quindi, non preoccuparti se non sei considerato un genio dai risultati del tuo test del QI – la stragrande maggioranza delle persone non lo è. Ci sono molti altri fattori che determinano il tuo successo.

Lascia un commento