Influenza e lampada UV

 

Condividi su PinterestFoto: Cynthia Goldsmith | Fonte immagine CDC: phil.cdc.gov/details.aspx?pid=10073

I ricercatori potrebbero aver scoperto un nuovo modo per combattere il virus dell’influenza nell’aria e si tratta semplicemente di accendere una luce.

Durante una delle peggiori stagioni influenzali degli ultimi anni, molte persone hanno cercato di proteggersi lavandosi le mani, downing vitamina Ce persino indossare maschere protettive. Ma se sei su una metropolitana affollata o in una sala d’attesa di pronto soccorso piena di persone che tossiscono, di solito c’è poco che puoi fare per proteggerti dal virus dell’influenza atmosferica.

Ma ora, i ricercatori hanno sviluppato una variazione della luce ultravioletta che è sicura per l’uomo e può essere utilizzata per inattivare virus e batteri nell’aria, secondo un recente studio sui rapporti scientifici.

Per anni, la luce ultravioletta è stata utilizzata negli ospedali per aiutare a controllare i germi sulle apparecchiature chirurgiche e per sterilizzare le stanze, ma era troppo dura da usare intorno agli esseri umani.

“Sfortunatamente, la luce UV germicida convenzionale è anche un pericolo per la salute umana e può portare al cancro della pelle e alla cataratta, che ne impedisce l’uso negli spazi pubblici”, David Brenner PhD, leader dello studio, Higgins Professor of Radiation Biophysics e direttore del Center for ricerca radiologica presso la Columbia University, ha detto in una nota.

Utilizzando una nuova forma di luce ultravioletta, il lontano ultravioletto C (lontano UVC), Brenner ei suoi coautori affermano di poter inattivare i virus senza danneggiare la pelle o gli occhi di una persona, secondo il studio.

La notizia arriva nel mezzo di una stagione influenzale particolarmente grave negli Stati Uniti

Secondo i Centers for Disease Control (CDC) degli Stati Uniti, tutti gli stati eccetto Hawaii e Oregon continuano a segnalare un’attività influenzale diffusa. Attualmente, 43 stati stanno segnalando un’elevata attività di malattia simile all’influenza.

Un nuovo modo per attaccare l’influenza

La luce Far-UVC utilizza brevi onde luminose all’estremità dello spettro UV-C. Di conseguenza, non può penetrare negli strati protettivi esterni della pelle o degli occhi umani. Tuttavia, può ancora influenzare e alterare materiali biologici come batteri e virus.

Molti virus possono essere trasmessi attraverso metodi aerei come tosse umana, starnuti e respirazione.

In questo studio, gli scienziati sono stati in grado di prendere particelle aerosol del virus dell’influenza A (H1N1) – noto anche come “influenza suina” – e inattivarle con quantità molto basse di luce UVC lontana. Hanno scoperto che oltre il 95 percento delle particelle H1N1 era inattivato, una percentuale di successo simile alle tradizionali lampade UV.

Con lo sviluppo di far-UVC, i precedenti vantaggi della luce ultravioletta germicida convenzionale possono ora essere utilizzati sulla pelle umana. I ricercatori sperano di utilizzare questo metodo come un modo aggiuntivo per controllare l’infezione in luoghi pubblici come ospedali, studi medici, scuole, aeroporti e persino aeroplani.

Anche “[aiutando] a limitare le epidemie di influenza stagionale, la trasmissione della tubercolosi e le grandi pandemie”, secondo un autore dello studio.

I ricercatori ritengono che questa tecnologia potrebbe non limitarsi solo allo zapping del virus dell’influenza, ma potrebbe essere efficace nel neutralizzare tutti i microbi presenti nell’aria. In studi precedenti, il team di Brenner ha dimostrato che il lontano UVC era persino efficace nell’uccidere i batteri più comuni nelle infezioni delle ferite chirurgiche, MRSA.

Ciò potrebbe significare che questa nuova tecnologia può aiutare nella battaglia in corso contro i batteri resistenti agli antibiotici. Tuttavia, i ricercatori riconoscono che la luce può essere più o meno efficace contro altri microbi e che sono necessari ulteriori studi.

Potenziali limitazioni delle lampadine UV

“È intrigante”, ha detto dello studio il dottor William Schaffner, professore di medicina preventiva e malattie infettive presso il Vanderbilt University Medical Center, ma ha anche spiegato di avere delle riserve sulla sua efficacia.

Ad esempio, “se [le macchie UVC] si polverizzano, la loro efficienza diminuisce”, ha spiegato.

Schaffner ha anche sottolineato che il virus dell’influenza si diffonde principalmente attraverso la trasmissione di goccioline di solito entro sei piedi dal contatto, che potrebbe non essere influenzato dall’attacco del lontano UVC alle particelle di virus presenti nell’aria.

Tuttavia, ha detto, questa tecnologia potrebbe potenzialmente aiutare le persone che sono particolarmente vulnerabili all’influenza e ad altre malattie.

“Questo potrebbe essere un bene per i pazienti profondamente immunocompromessi”, ha detto Schaffner.

“Quelli con l’influenza nelle strutture sanitarie, come quelli in suite di isolamento che sono particolarmente vulnerabili”.

I ricercatori sperano di portare queste lampade sul mercato per un uso diffuso. Attualmente queste lampade costano meno di $ 1,000, ma Brenner ritiene che il costo diminuirà se le lampade dovessero essere prodotte in serie.

Lascia un commento