Genitori che esortano gli Stati a richiedere gli autoiniettori di epinefrina

Quando il ginnasta olimpico del 1984 Mitch Gaylord e sua moglie Valentina hanno saputo che i loro parenti sarebbero venuti a visitare la California, erano entusiasti. La coppia amava cucinare, così hanno preparato uno dei piatti preferiti dai loro parenti: satay di pollo con salsa di arachidi.

Il loro figlio di 2 anni, Luc, è stato il primo servito. Prese un pezzo di pollo, se lo portò alla bocca e poi gettò il piatto contro il muro.

Iniettori automatici

“Nostro figlio non è un bambino violento, e non aveva mai lanciato nulla prima di questo punto, quindi sapevamo che qualcosa non andava”, ha detto Valentina Gaylord in un’intervista a Healthline. “Lo abbiamo guardato e subito ha iniziato ad arrossarsi, ha iniziato a gonfiarsi, l’orticaria gli copriva il corpo e le sue labbra stavano diventando molto grandi. Quindi abbiamo chiamato i servizi di emergenza sanitaria “.

Sulla strada per il pronto soccorso, Luc ha iniziato a vomitare. Una volta lì, un trattamento medico adeguato ha tenuto sotto controllo i suoi sintomi.

Ma quello era solo l’inizio. Luc ora deve portare con sé un autoiniettore di epinefrina (EpiPen), per salvarlo in caso di reazione allergica, per il resto della sua vita.

Ulteriori informazioni sulle allergie alimentari: costose per i genitori, mortali per i bambini »

EpiPens ovunque?

La scuola di Luc offre EpiPens, ma non tutti lo fanno. Questo ha portato alla morte dello studente Cameron Espinosa in Texas, che ha avuto una reazione allergica fatale ai morsi di formica mentre giocava a calcio nel campo della sua scuola media.

In risposta, il Texas ha approvato una nuova legislazione per incoraggiare le scuole a tenere EpiPens a portata di mano e ad istruire i dipendenti sul loro utilizzo. Secondo Ricerca e istruzione sulle allergie alimentari (FARE), ad oggi nove stati hanno approvato leggi che impongono alle scuole di rifornirsi di adrenalina.

La dottoressa Jacqueline Pongracic, capo della divisione allergia e immunologia dell’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago e professore di pediatria presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine, ha detto che negli Stati Uniti qualcuno va al pronto soccorso per un’allergia alimentare reazione ogni tre minuti. Ciò equivale a 200,000 visite di emergenza all’anno.

“Le persone che non hanno accesso immediato all’adrenalina hanno un rischio maggiore di reazioni allergiche più gravi e esiti fatali. Sostengo con entusiasmo questa legislazione “, ha detto Pongracic a Healthline in un’intervista.

Le persone che sanno di avere allergie portano con sé EpiPens, ma le persone – specialmente i bambini piccoli – che non sono mai stati esposti prima a un particolare allergene potrebbero non essere a conoscenza del pericolo.

“Molti dei bambini che vengono esposti che sono inconsapevoli e muoiono per la loro allergia è perché, ovunque fossero, non erano preparati”, ha detto Valentina. “Non c’era l’adrenalina a portata di mano, prontamente disponibile e somministrata immediatamente all’inizio della reazione.”

I Gaylords vorrebbero vedere EpiPens non solo nelle scuole, ma anche nei ristoranti e in altri luoghi pubblici che servono cibo. E con l’invecchiamento della nuova generazione e l’ingresso nel mondo del lavoro, questo diventerà un problema anche per i luoghi di lavoro.

Il costo senza assicurazione è di circa $ 300 a $ 400 per una confezione da due. I Gaylords pensano che questo sia un piccolo prezzo da pagare per la sicurezza.

“È come un estintore”, ha detto Mitch Gaylord. “Ne abbiamo dappertutto, e le possibilità che un bambino abbia una reazione allergica alimentare sono più alte che avere un incendio da qualche parte. Quindi mettiamo in atto quella protezione per salvare potenzialmente la vita di un bambino “.

Gravi reazioni allergiche

Normalmente, il sistema immunitario funziona per tenere a bada gli invasori come virus e batteri. Ma a volte può andare in tilt, reagendo in modo eccessivo a minuscole particelle chiamate allergeni.

Gli allergeni comuni includono polline, escrementi di acari della polvere e peli di animali. L’esposizione può provocare prurito, gonfiore, arrossamento, orticaria e naso e occhi che colano.

Tuttavia, sono le allergie meno comuni che possono scatenare reazioni gravi e potenzialmente pericolose per la vita. Quando si verificano queste reazioni gravi, le vie aeree possono gonfiarsi e restringersi al punto in cui la persona non può più respirare (anafilassi). Senza ossigeno, possono entrare in uno shock anafilattico – quando i vasi sanguigni si allargano e la pressione sanguigna scende al punto in cui cadono incoscienti.

Gli allergeni gravi comuni includono arachidi, frutta a guscio, frutti di mare, latte, uova, grano, soia, punture di insetti, lattice e alcuni farmaci.

Per trattare l’anafilassi, le persone allergiche o gli astanti possono usare un EpiPen, che spara una dose di adrenalina (un termine medico per adrenalina) attraverso i vestiti direttamente nel muscolo della coscia.

Ciò fa sì che le vie aeree si aprano e i vasi sanguigni si irrigidiscano, ripristinando il flusso d’aria e la pressione sanguigna. Tuttavia, è solo una misura temporanea: se qualcuno ha bisogno di usare un EpiPen, loro o un’altra persona dovrebbero anche chiamare il 911 per cure mediche immediate.

Continua a leggere: Asma e allergie in aumento negli Stati Uniti »

Allergeni ovunque

Luc, che ora ha 4 anni (quasi 5, vorrebbe che tu lo sapessi) non è solo.

Tanti quanti 15 milioni di americani hanno allergie alimentari e la prevalenza di queste allergie tra i bambini è aumentata del 50% tra il 1997 e il 2011. Oggi, circa 1 bambino su 13 ha qualche forma di allergia alimentare.

Di conseguenza, le allergie alimentari gravi aumentano.

“L’evidenza suggerisce che l’anafilassi è in aumento a livello globale, sulla base del numero di visite ai reparti di emergenza e ricoveri per anafilassi”, ha detto Pongracic. “Uno studio europeo ha mostrato che il tasso di visite di emergenza è aumentato di sette volte negli ultimi dieci anni. L’allergia alimentare è la causa più comune di anafilassi per le visite al pronto soccorso pediatrico. Fondamentalmente, i bambini potrebbero non superare l’allergia già come in passato, quindi questo potrebbe spiegare in parte l’aumento dei casi di anafilassi “.

Cosa sta guidando questo aumento?

“La semplice risposta è che non sappiamo definitivamente perché l’allergia alimentare tra i bambini sia aumentata a un ritmo così drammatico”, ha aggiunto il dottor James R. Baker Jr., amministratore delegato di FARE, in un’intervista a Healthline. “Quello che possiamo dire, tuttavia, è che esiste un accordo generale nella comunità scientifica sul fatto che l’aumento potrebbe essere attribuito a una combinazione di fattori genetici e ambientali”.

Letture correlate: i batteri intestinali buoni possono proteggere dalle allergie alimentari? »

Lascia un commento