Colpi di influenza: i dipendenti sanitari dovrebbero essere licenziati per non aver ricevuto T

Saresti disposto a rischiare il tuo lavoro rifiutando il vaccino antinfluenzale?

Circa 50 lavoratori di Essentia Health nel Minnesota erano.

E loro hanno stato licenziato.

Secondo quanto riferito, i lavoratori hanno rifiutato di ottenere vaccinazioni antinfluenzali nell’ambito di una nuova politica per il sistema sanitario che copre 15 ospedali e 75 cliniche.

Essentia Health afferma che la maggior parte dei lavoratori ha rispettato la richiesta di vaccini antinfluenzali obbligatori, ma una piccola parte ha comunque rifiutato e non è riuscita a soddisfare i criteri medici o religiosi di Essentia per le esenzioni.

Alcuni sindacati si sono opposti alla politica e al licenziamento dei lavoratori, ma i dirigenti di Essentia sostengono che sia nell’interesse della sicurezza dei pazienti.

Non sono soli.

Il dott. Timothy Williamson, vicepresidente per la qualità e la sicurezza presso l’Università del Kansas Health Systems, afferma che la mossa di Essentia è ragionevole.

“I sistemi sanitari implementano politiche di vaccinazione obbligatorie per aiutare a mantenere i pazienti al sicuro. Se è in atto un processo obbligatorio per mantenere i pazienti al sicuro che i dipendenti rifiutano di seguire, mettendo in tal modo i pazienti a rischio, allora sembra nel diritto del sistema sanitario non far lavorare più quei dipendenti lì “, ha detto Williamson a Healthline.

“Tracciare un esempio parallelo; Se un chirurgo si rifiutava di lavarsi le mani prima dell’intervento, sarebbe stato licenziato allo stesso modo per aver messo i pazienti a rischio per il mancato rispetto di importanti procedure di prevenzione delle infezioni “, ha aggiunto.

Le interruzioni sono avvenute mentre gli Stati Uniti si stanno preparando per quella che gli esperti dicono potrebbe essere una devastante stagione influenzale.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno annunciato che più di 7,000 casi di influenza sono stati segnalati finora in questa stagione influenzale.

È il doppio del numero durante lo stesso periodo dell’anno scorso.

Politica degli operatori sanitari

Funzionari del CDC raccomandare che tutti gli operatori sanitari negli Stati Uniti siano vaccinati ogni anno contro l’influenza.

Ciò include medici e infermieri, nonché personale di supporto come addetti alle pulizie e impiegati che potrebbero non interagire direttamente con i pazienti.

Il CDC afferma che questi operatori di supporto potrebbero potenzialmente trasferire infezioni agli operatori sanitari e ai pazienti.

Le politiche relative alla vaccinazione obbligatoria nei sistemi sanitari variano da istituto a istituto, ma negli ultimi tempi sono diventate comuni.

“Il concetto di prescrivere il vaccino antinfluenzale per tutti i dipendenti sanitari ha guadagnato forza e accettazione negli Stati Uniti negli ultimi 10 anni. È davvero abbastanza comune “, ha detto a Healthline il dottor William Schaffner, esperto di malattie infettive presso il Vanderbilt University Medical Center nel Tennessee

“I mandati sono diventati piuttosto ampiamente accettati, ma i mandati sono disponibili in vari gusti. Essentia ha tra i sapori più severi o aspri “, ha aggiunto.

Al centro medico di Schaffner a Nashville, i lavoratori vengono istruiti sull’importanza della vaccinazione antinfluenzale e la vaccinazione viene offerta gratuitamente.

Come Essentia, il Vanderbilt University Medical Center ha un piccolo elenco di esenzioni accettabili.

Coloro che cercano un’esenzione devono presentare una domanda a un comitato che riesamina la loro richiesta.

“La sostanziale maggioranza delle richieste di esenzione che abbiamo ricevuto non sono esenzioni valide da un punto di vista medico… non permettiamo esenzioni religiose o personali. Devi avere una valida ragione medica se sei un operatore sanitario per non essere vaccinato “, ha detto Schaffner.

Circa il 95% dei dipendenti a cui sono state negate le esenzioni presso il centro medico di Schaffner alla fine acconsente alle vaccinazioni.

Coloro che si rifiutano sono tenuti a indossare maschere durante la stagione influenzale.

“Consideriamo il nostro team sanitario qui come un esercito sanitario per così dire. Quando sei nell’esercito non ti chiedono se vuoi essere vaccinato, dicono “ mettiti in fila, rimboccati la manica, vai avanti ” perché è per la solidarietà e la funzione dell’unità, ed è così che la percepiamo qui “, ha detto Schaffner.

Vaccinazioni in altre professioni

Nell’esercito, i vaccini antinfluenzali obbligatori sono all’ordine del giorno.

Il dottor Lee Norman, direttore medico presso l’Università del Kansas Hospital e chirurgo della 35a divisione di fanteria della Task Force Spartan, afferma che fare un vaccino antinfluenzale fa parte del lavoro.

“Abbiamo appena fatto 11,000 vaccini antinfluenzali obbligatori negli ultimi 10 giorni con la mia divisione di fanteria. Credimi, non possono scegliere di “rinunciare” a meno che non ci siano controindicazioni mediche. Per quanto ne so, non avevamo richieste di esenzione “, ha detto Norman a Healthline.

“Non mi attengo all’argomento della ‘libera scelta’. Per me è ridicolo come richiedere un’esenzione per fermarsi ai segnali di stop, rispettare i limiti di velocità e indossare le cinture di sicurezza “, ha aggiunto.

Norman sostiene che i vaccini antinfluenzali obbligatori non dovrebbero essere solo per coloro che lavorano in centri medici o ospedali.

Dice che dovrebbero essere anche per i dipendenti di case di cura, strutture di assistenza a lungo termine, centri di dialisi, ambulatori, centri per l’infanzia e centri diurni per adulti.

“Lo vedo come una domanda sulla ‘mitigazione del rischio, in modo ragionevole”, ha spiegato. “E per lo stesso motivo: questa è una popolazione vulnerabile di individui inclini all’influenza”.

I vaccini antinfluenzali obbligatori, dice, svolgono anche un ruolo nel mantenimento della sicurezza pubblica.

“Non vogliamo un esodo totale dal posto di lavoro da parte di polizia, vigili del fuoco, militari e simili. Dovremmo essere vaccinati anche tutti ”, ha detto.

Schaffner ammette che il vaccino antinfluenzale non è perfetto, ma sostiene che farsi vaccinare fa la differenza.

Per quanto riguarda i dipendenti di Essentia, dice che farsi vaccinare fa parte del loro lavoro.

“Una volta che diventano un operatore sanitario, è loro obbligo professionale ed etico non fare prima del male, e l’essere vaccinati fa parte di questo”, ha detto. 

Lascia un commento