Carboidrati nel riso: è troppo?

Descrizione

Ci sono 52 grammi di carboidrati in una tazza di cereali cotti riso integrale, mentre la stessa quantità di grano corto cotto, arricchito riso bianco ha circa 53 grammi di carboidrati. D’altra parte, cotto riso selvatico ha solo 35 grammi di carboidrati, rendendola una delle migliori opzioni se vuoi ridurre l’assunzione di carboidrati.

Quantità di carboidrati nel riso

Riso

Carboidrati totali: 52 grammi (una tazza, riso cotto a grani lunghi)

Il riso integrale è il riso preferito in alcuni circoli di alimenti naturali poiché è considerato più nutriente. Il riso integrale è un chicco intero e ha più fibre del riso bianco. È anche un’ottima fonte di magnesio e selenio. Può aiutare a ridurre il rischio di diabete di tipo 2, abbassare il colesterolo e raggiungere un peso corporeo ideale. Dipende da Digitare, può avere un sapore di nocciola, aromatico o dolce.

riso bianco

Carboidrati totali: 53 grammi (una tazza, a grani corti, cotti)

Il riso bianco è il tipo di riso più popolare e potrebbe essere quello più utilizzato. La lavorazione del riso bianco lo impoverisce di alcune delle sue fibre, vitamine e minerali. Ma alcuni tipi di riso bianco lo sono arricchito con nutrienti aggiuntivi. È ancora una scelta popolare su tutta la linea.

Riso selvatico

Carboidrati totali: 35 grammi (una tazza, cotti)

Il riso selvatico è in realtà il chicco di quattro diverse specie di erba. Sebbene tecnicamente non sia un riso, è comunemente indicato come uno per scopi pratici. La sua consistenza gommosa ha un sapore terroso e nocciolato che molti trovano attraente. Il riso selvatico è anche ricco di sostanze nutritive e antiossidanti.

Riso nero

Carboidrati totali: 34 grammi (una tazza, cotti)

Il riso nero ha una consistenza distinta e talvolta diventa viola una volta cotto. È pieno di fibre e contiene ferro, proteine ​​e antiossidanti. Viene spesso utilizzato nei piatti da dessert poiché alcuni tipi sono leggermente dolci. Puoi sperimentare l’uso del riso nero in una varietà di piatti.

Riso rosso

Carboidrati totali: 45 grammi (una tazza, cotti)

Il riso rosso è un’altra scelta nutriente che ha anche molte fibre. Molte persone apprezzano il suo gusto di nocciola e la consistenza gommosa. Tuttavia, il sapore del riso rosso può essere piuttosto complesso. Potresti trovare il suo colore un miglioramento estetico per alcuni piatti.

Buoni vs cattivi carboidrati

Cerca di ottenere i tuoi carboidrati da fonti di cereali integrali come il riso integrale o selvatico, che contengono entrambi fibre sane. È anche importante assicurarsi di mangiare quotidianamente la giusta quantità di carboidrati.

La Mayo Clinic consiglia di assumere tra 225 e 325 grammi di carboidrati ogni giorno. Questo dovrebbe costituire circa il 45-65 percento delle calorie giornaliere totali e dovrebbe essere consumato durante il giorno. Cerca sempre di fare scelte nutrienti quando si tratta di carboidrati, poiché non sono tutti uguali.

Opzioni di riso a basso contenuto di carboidrati

Ami la consistenza del riso ma vuoi usare un sostituto del riso con meno carboidrati? Puoi fare il riso cavolfiore or broccoli. Puoi anche usare il koniac, che è un ortaggio a radice asiatico. Questo è noto come Riso Shirataki.

Mentre puoi acquistare i sostituti del riso a basso contenuto di carboidrati in alcuni negozi di alimenti naturali e negozi di alimentari, potresti prendere in considerazione la possibilità di crearne alcuni da solo. Realizzarli è relativamente semplice:

  • Trita la verdura che preferisci per metterla in un robot da cucina
  • Frullare in un robot da cucina fino a ottenere la consistenza desiderata
  • Puoi metterlo nel microonde per qualche minuto o cuocere sul fornello. Puoi cuocerlo per un tempo più breve per conservare parte della croccantezza cruda.

L’asporto

Come per la maggior parte delle cose nella vita, l’equilibrio e la moderazione sono fondamentali. Impegnati ad abbinare il riso a cibi eccezionalmente nutrienti e sani. Assicurati di limitare la tua porzione a una tazza di riso per pasto. Dovrebbe costituire solo circa un terzo o un quarto del pasto.

Idealmente il riso dovrebbe essere abbinato a verdure e proteine ​​magre. Usalo come contorno o in zuppe o sformati. Il riso integrale può aiutarti a sentirti più pieno in modo da non desiderare più cibo troppo presto. Inoltre, può darti l’energia di cui hai bisogno per affrontare la giornata.

Lascia un commento