Bradipnea: cause, sintomi e trattamento

Cos’è la bradipnea?

La bradipnea è una frequenza respiratoria anormalmente lenta.

La frequenza respiratoria normale per un adulto è in genere compresa tra 12 e 20 respiri al minuto. Una frequenza respiratoria inferiore a 12 o superiore a 25 respiri al minuto a riposo può segnalare un problema di salute sottostante.

Le normali frequenze respiratorie per i bambini sono:

Età Frequenza respiratoria normale (respiri al minuto) neonati da 30 a 601 a 3 anni da 24 a 403 a 6 anni da 22 a 346 a 12 anni da 18 a 3012 da 18 a 12 anni da 16 a XNUMX

La bradipnea può verificarsi durante il sonno o quando sei sveglio. Non è la stessa cosa dell’apnea, ovvero quando la respirazione si ferma completamente. E la respirazione affannosa, o mancanza di respiro, è chiamata dispnea.

Quali sono le cause e i trigger?

La gestione della respirazione è un processo complesso. Il tronco encefalico, l’area alla base del cervello, è necessario per controllare la respirazione. I segnali viaggiano dal cervello attraverso il midollo spinale ai muscoli che si irrigidiscono e si rilassano per portare aria nei polmoni.

Il tuo cervello e i principali vasi sanguigni sono dotati di sensori che controllano la quantità di ossigeno e anidride carbonica nel sangue e regolano la frequenza respiratoria di conseguenza. Inoltre, i sensori nelle vie aeree rispondono allo stiramento che si verifica durante la respirazione e inviano segnali al cervello.

Puoi anche rallentare la tua respirazione controllando l’inspirazione e l’espirazione, una pratica di rilassamento comune.

Molte cose possono causare bradipnea, tra cui:

Gli oppiacei

L’abuso di oppioidi è arrivato livelli di crisi negli Stati Uniti. Questi potenti farmaci si attaccano ai recettori del sistema nervoso centrale. Questo può rallentare notevolmente la frequenza respiratoria. Un sovradosaggio da oppioidi può diventare pericoloso per la vita e farti smettere completamente di respirare. Alcuni oppioidi comunemente abusati sono:

  • eroina
  • codeina
  • hydrocodone
  • morfina
  • ossicodone

Questi farmaci possono rappresentare un pericolo maggiore se anche tu:

  • fumare
  • prendere benzodiazepine, barbiturici, fenobarbital, gabapentinoidi o sonniferi
  • bere alcolici
  • soffre di apnea ostruttiva del sonno
  • soffre di broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), cancro ai polmoni o altre condizioni polmonari

Anche le persone che ingeriscono confezioni di farmaci per il trasporto illegale (body packer) possono sperimentare la bradipnea.

Ipotiroidismo

Se la tua ghiandola tiroidea è poco attiva, sei carente di alcuni ormoni. Non trattato, questo può rallentare alcuni processi corporei, inclusa la respirazione. Può anche indebolire i muscoli necessari per la respirazione e portare a una diminuzione della capacità polmonare.

Tossine

Alcune tossine possono influenzare il corpo rallentando la respirazione. Un esempio di ciò è una sostanza chimica chiamata sodio azide, che viene utilizzata negli airbag delle automobili per aiutarli a gonfiarsi. Si trova anche nei pesticidi e nei dispositivi esplosivi. Se inalata in quantità significative, questa sostanza chimica può rallentare sia il sistema nervoso centrale che il sistema cardiovascolare.

Un altro esempio è il monossido di carbonio, un gas prodotto da veicoli, forni a petrolio e gas e generatori. Questo gas può essere assorbito attraverso i polmoni e accumularsi nel flusso sanguigno, portando a bassi livelli di ossigeno.

Ferita alla testa

Le lesioni vicino al tronco cerebrale e l’alta pressione all’interno del cervello possono portare a bradicardia (diminuzione della frequenza cardiaca) e bradipnea.

Alcune altre condizioni che possono portare alla bradipnea includono:

  • uso di sedativi o anestesia
  • disturbi polmonari come enfisema, bronchite cronica, asma grave, polmonite ed edema polmonare
  • problemi respiratori durante il sonno, come l’apnea notturna
  • condizioni che colpiscono i nervi oi muscoli coinvolti nella respirazione, come la sindrome di Guillain-Barré o la sclerosi laterale amiotrofica (SLA)

In un 2016 studio Utilizzando i ratti, i ricercatori hanno scoperto che lo stress emotivo e l’ansia cronica possono portare a una diminuzione della frequenza respiratoria, almeno a breve termine. Una preoccupazione è che una frequenza respiratoria bassa in corso può segnalare al rene di aumentare la pressione sanguigna del corpo. Ciò potrebbe portare allo sviluppo di ipertensione a lungo termine.

Quali altri sintomi possono accompagnare la bradipnea?

I sintomi che possono accompagnare la respirazione rallentata dipendono dalla causa. Per esempio:

  • Gli oppioidi possono anche causare problemi di sonno, stitichezza, diminuzione della vigilanza e prurito.
  • Altri sintomi di ipotiroidismo possono includere letargia, pelle secca e perdita di capelli.
  • L’avvelenamento da sodio azide può portare a una varietà di sintomi tra cui mal di testa, vertigini, eruzioni cutanee, debolezza, nausea e vomito.
  • L’esposizione al monossido di carbonio può causare mal di testa, vertigini, tossicità cardiovascolare, insufficienza respiratoria e coma.

La respirazione rallentata, così come altri sintomi come confusione, viraggio al blu o perdita di coscienza, sono eventi pericolosi per la vita che richiedono cure di emergenza immediate.

Quali sono le opzioni di trattamento?

Se la tua frequenza respiratoria sembra più lenta del normale, consulta il tuo medico per una valutazione approfondita. Ciò includerà probabilmente un esame fisico e un controllo degli altri segni vitali: polso, temperatura corporea e pressione sanguigna. Insieme agli altri sintomi, un esame fisico e una storia medica aiuteranno a determinare se sono necessari ulteriori test diagnostici.

In situazioni di emergenza, potrebbero essere necessari ossigeno supplementare e altre misure di supporto vitale. Il trattamento di qualsiasi condizione sottostante può risolvere la bradipnea. Alcuni potenziali trattamenti sono:

  • dipendenza da oppioidi: programmi di recupero dalla dipendenza, gestione alternativa del dolore
  • sovradosaggio di oppioidi: se assunto in tempo, un farmaco chiamato naloxone può bloccare i siti dei recettori oppioidi, invertendo gli effetti tossici del sovradosaggio
  • ipotiroidismo: farmaci tiroidei quotidiani
  • tossine: somministrazione di ossigeno, trattamento di eventuali avvelenamenti e monitoraggio dei segni vitali
  • trauma cranico: attento monitoraggio, cure di supporto e intervento chirurgico

Possibili complicazioni

Se la tua frequenza respiratoria scende troppo bassa per troppo tempo, può portare a:

  • ipossiemia o bassi livelli di ossigeno nel sangue
  • acidosi respiratoria, una condizione in cui il sangue diventa troppo acido
  • insufficienza respiratoria completa

Outlook

La tua prospettiva dipenderà dal motivo della bradipnea, dal trattamento che ricevi e dalla tua risposta a quel trattamento. Alcune condizioni che causano la bradipnea possono richiedere una gestione a lungo termine.

Lascia un commento