Bibite gassate, latticini e altre bevande zuccherate aumentano il rischio di diabete

Condividi su PinterestAlcune bevande Starbucks contengono più zucchero di un quarto di tazza di Skittles. Getty Images

  • I ricercatori affermano che le persone che bevono quantità crescenti di bevande zuccherate hanno un rischio di diabete superiore del 16%.
  • Gli esperti dicono che il passaggio alla soda dietetica non riduce il rischio.
  • Ridurre il numero di bevande zuccherate che bevi al giorno può aiutare.

Ridurre il rischio di diabete di tipo 2 può essere semplice come cambiare il contenuto del bicchiere.

Recente ricerca dalla Harvard TH Chan School of Public Health riporta che le persone che bevono quantità crescenti di bevande zuccherate (incluse bibite gassate e succo di frutta al 100%) corrono un rischio “moderatamente” più elevato di diabete di tipo 2.

Lo studio ha monitorato il consumo di bevande zuccherate in 192,000 partecipanti allo studio nel corso di 26 anni, valutando la loro salute generale ogni 4 anni.

I ricercatori hanno affermato di aver scoperto che le persone che bevevano quantità crescenti di bevande zuccherate e il 100% di succo di frutta avevano un rischio maggiore del 16% di diabete di tipo 2.

Con i tassi di obesità che continuano a salire, gli esperti di obesità, diabete e perdita di peso sono frustrati dal fatto che molte persone sceglierebbero ancora di consumare la soda su base giornaliera.

“Non capisco perché vorresti spendere quelle calorie e l’assunzione di zucchero per una bevanda invece di qualcosa che puoi effettivamente mangiare”, ha detto Alexis Elliott, LCSW, LISW-CP, CDE, un coach della salute con una specialità nel trattamento di persone con diabete e coloro che vivono con obesità e disturbi alimentari.

“Certo, le persone sanno che non fa bene, ma non capiscono quanto zucchero ci sia in una lattina di soda”, ha detto Elliott a Healthline.

Molte persone potrebbero non sapere che la bevanda che stanno bevendo contiene più zucchero di 1 porzione di caramelle Skittles, ad esempio:

Anche i succhi di frutta continuano a creare confusione per coloro che cercano di migliorare la propria alimentazione, soprattutto con i gadget alla moda “succhi”.

“Il problema con il succo di frutta è che stai solo assumendo lo zucchero senza le fibre o le sostanze nutritive di cui hai bisogno e trai vantaggio quando mangi una mela”, spiega Elliott.

“Sotto il collo, il tuo corpo non conosce la differenza tra succo di mela e acqua zuccherata, ma conosce la differenza tra una mela vera e una tazza di succo di frutta, anche se è succo al 100 percento”, ha detto.

La soda dietetica non aiuta

Questa ricerca non dovrebbe nemmeno mandarti al negozio in cerca di bibite dietetiche.

Le persone che bevono bevande zuccherate artificialmente (ASB) hanno un rischio maggiore del 18% di diabete di tipo 2, ma gli autori dello studio hanno avvertito che altre variabili giocano in questo risultato.

“I risultati relativi agli ASB dovrebbero essere interpretati con cautela a causa della possibilità di causalità inversa (gli individui già ad alto rischio di diabete possono passare da bevande zuccherate a bevande dietetiche) e bias di sorveglianza (gli individui ad alto rischio hanno maggiori probabilità di essere sottoposti a screening per il diabete e quindi diagnosticato più rapidamente) “, ha spiegato il rapporto.

L’aspartame, il dolcificante artificiale più comune nelle bibite dietetiche, è già stato esaminato in passato.

Anche se non aumenta gli zuccheri nel sangue immediatamente dopo essere stato consumato, a 2018 studio ha suggerito che il dolcificante può potenzialmente influenzare i livelli di cortisolo e la resistenza all’insulina.

Gli esperti dicono che il passaggio dalla soda alla soda dietetica non è la risposta. L’obiettivo dovrebbe essere invece quello di concentrarsi sul bere più acqua.

Mantenere un po ‘di soda nella tua dieta

Ridurre l’impatto delle bevande zuccherate sulla salute non significa che devi smettere di tacchino freddo.

Sostituire 1 porzione di soda o succo con acqua o caffè o tè non zuccherato può ridurre il rischio di diabete di tipo 2 dal 2 al 10 percento, hanno riferito i ricercatori.

“I risultati dello studio sono in linea con le attuali raccomandazioni di sostituire le bevande zuccherate con bevande non caloriche prive di dolcificanti artificiali. Sebbene i succhi di frutta contengano alcune sostanze nutritive, il loro consumo dovrebbe essere moderato “, Dott. Frank Hu, MPH, professore di nutrizione ed epidemiologia nonché autore senior dello studio, ha detto in a comunicato stampa.

Sei dipendente dallo zucchero? 

“Lo zucchero può creare più dipendenza dell’eroina”, ha spiegato Elliott. “Ma siamo sempre esposti allo zucchero e la società lo considera una forma accettabile di sostanza che crea dipendenza, quindi è molto più difficile da gestire o da evitare”.

Quando lavora con i clienti, Elliott vede spesso questa dipendenza dallo zucchero nelle scelte alimentari più apparentemente innocue, come la crema di caffè aromatizzata.

“Ho così tanti clienti che non riescono a smettere di fare quelle creme per caffè zuccherate, e c’è così tanto zucchero in una piccola porzione”, ha detto.

Mentre alcuni dettagli nei criteri per la dipendenza non si applicano strettamente allo zucchero, molti altri sì, ha spiegato Elliott.

“Primo, stai bevendo la sostanza in quantità maggiori per ottenere gli stessi effetti? Prima bevevi 1 lattina di soda al giorno e ora ne bevi 2 o 3 al giorno? ” lei disse.

“Questo accade con la caffeina molto facilmente”, ha detto Elliott. “Prima bevevi 1 tazza di caffè, ma ora non ti senti te stesso fino a quando non ne hai bevute almeno 2 o 3”.

“In secondo luogo,” continuò Elliott, “volevi ridurre la sostanza ma non ci riesci? E spendere molto tempo o energie pensando di smettere? Questi sono segni di dipendenza. “

“Il prossimo è importante per lo zucchero e il diabete: continui a usare la sostanza anche se sai di avere un problema che sta influenzando negativamente la tua vita? Come una diagnosi di diabete “, ha detto Elliott. “E infine, hai sintomi di astinenza quando smetti di usare la sostanza?”

Una drastica riduzione dell’assunzione di zucchero porterà probabilmente a sintomi di astinenza che includono mal di testa, irritabilità, affaticamento e persino un po ‘di tremore.

“Alcune persone tendono a usare la soda o quel frappuccino pieno di zucchero come stampella. Forse sono cresciuti con esso ed è quel vizio a cui non si arrendono. Oppure dicono: “Beh, non fumo né bevo alcolici, ma ho solo la mia soda”, ha spiegato Elliott.

“È un meccanismo di coping per molte persone”, ha aggiunto. “Quando le cose diventano stressanti, prendi la tua lattina di Coca-Cola nello stesso modo in cui alcune persone prendono una birra, una sigaretta o una pinta di gelato.”

Elliott ha aggiunto che ridurre o abbandonare l’abitudine alle bevande zuccherate si riduce alla creazione di nuove abitudini.

“Puoi allenare le tue papille gustative proprio come alleni i muscoli, e un giorno bevi un sorso di qualcosa con lo zucchero che non hai avuto da molto tempo, e penserai, ‘Come facevo a bevi questo ogni giorno? “

Ginger Vieira è un paziente esperto che convive con diabete di tipo 1, celiachia e fibromialgia. Trova i suoi libri sul diabete Amazon e connettersi con lei Twitter e Youtube.

Lascia un commento