Ad alto contenuto di noce moscata: gli effetti del troppo e dei pericoli

Descrizione

La noce moscata, nota anche come Myristica fragrans, è una comune spezia da cucina nota per il suo sapore caldo e dolce.

L’Indonesia ospita l’albero di noce moscata. Questo albero produce un frutto che contiene il seme di noce moscata. Dopo aver raccolto il frutto, il seme può essere essiccato per un periodo di settimane. Questa noce essiccata può quindi essere utilizzata per creare la spezia che conosciamo così bene.

Gli usi culinari più popolari della noce moscata includono:

  • prodotti da forno come budini e torte
  • piatti salati e salse
  • bevande classiche come lo zabaione

Potresti anche esserti imbattuto in voci secondo cui la noce moscata può farti sballare. Anche se questo può essere vero, c’è di più nella storia.

Esploriamo la scienza alla base della causa dello “sballo di noce moscata”, nonché i rischi associati all’uso di questa spezia in modo ricreativo.

Cos’è la miristicina?

La sostanza chimica responsabile dello “sballo” causato dalla noce moscata è nota come miristicina. Myristicin è un composto si trova naturalmente negli oli essenziali di alcune piante, come il prezzemolo, l’aneto e la noce moscata.

La miristicina si trova anche in diverse spezie. Comprende la maggior parte della composizione chimica dell’olio di noce moscata e si trova in quantità maggiori in questa spezia. Nel corpo umano, la degradazione della miristicina produce un composto che colpisce il sistema nervoso simpatico.

Il peyote è un’altra pianta ben nota il cui composto, la mescalina, agisce in modo simile alla miristicina nella noce moscata. Sia mescalina che miristicina influenzare il sistema nervoso centrale (SNC) potenziando il neurotrasmettitore norepinefrina.

Questo effetto sul SNC è ciò che alla fine porta a effetti collaterali come allucinazioni, vertigini, nausea e altro.

Effetti dell’intossicazione da noce moscata

La ricerca sull’intossicazione da noce moscata è scarsa. Ma ci sono una manciata di studi e case report su alcuni dei pericolosi effetti collaterali del consumo di troppa miristicina.

Le prime affermazioni di “intossicazione” da noce moscata risalgono al 1500 secondi, dopo che una donna incinta aveva mangiato più di 10 noci moscate. Fu solo nel 19 ° secolo che la ricerca iniziò a studiare gli effetti della miristicina dalla noce moscata sul sistema nervoso centrale.

In uno caso clinico, una donna di 18 anni lamentava nausea, vertigini, palpitazioni cardiache e secchezza delle fauci, tra gli altri sintomi. Sebbene non abbia segnalato alcuna allucinazione, ha menzionato la sensazione di trovarsi in uno stato di trance.

Successivamente è stato rivelato che aveva consumato quasi 50 grammi (g) di noce moscata sotto forma di frappè circa 30 minuti prima che iniziassero i suoi sintomi.

In maniera molto più recente caso di studio, una donna di 37 anni si è trovata a manifestare i sintomi di intossicazione da miristicina dopo aver consumato solo due cucchiaini (circa 10 grammi) di noce moscata. I suoi sintomi includevano anche vertigini, confusione, stordimento e una bocca estremamente secca.

In entrambi i casi di studio, i sintomi si sono manifestati entro poche ore e sono durati circa 10 ore. Entrambi gli individui sono stati rilasciati dopo l’osservazione e si sono ripresi completamente.

Sebbene questi casi sembrino rari, a revisione della letteratura dall’Illinois Poison Center per un periodo di 10 anni ha rivelato oltre 30 casi documentati di avvelenamento da noce moscata. Un’analisi dei dati ha esaminato sia l’esposizione intenzionale che non intenzionale, nonché le interazioni farmacologiche che portano alla tossicità.

L’indagine ha rivelato che quasi il 50% dei casi era intenzionale, con solo 17 esposizioni involontarie. Il gruppo più numeroso di persone che sono state involontariamente esposte a intossicazione da noce moscata erano minori di età inferiore ai 13 anni.

I sintomi più comuni nella revisione di 10 anni includevano:

  • allucinazioni
  • sonnolenza
  • vertigini
  • bocca asciutta
  • confusione
  • sequestro (in due casi)

Alcuni degli altri effetti collaterali notevoli erano distress respiratorio, cardiovascolare e gastrico.

Pericoli di avvelenamento da noce moscata

Anche se la noce moscata può sembrare un modo semplice per provare a sballarsi, la miristicina è un composto incredibilmente potente e pericoloso se assunto in grandi quantità.

Oltre agli effetti a breve termine dell’intossicazione da noce moscata, ce ne sono molto di più rischi pericolosi di consumare troppo di questa spezia. In alcuni casi, dosi tossiche di miristicina hanno causato insufficienza d’organo. In altri casi, il sovradosaggio di noce moscata è stato collegato alla morte se usato in combinazione con altri farmaci.

Piccole quantità di noce moscata possono essere utilizzate in sicurezza in cucina. La maggior parte delle ricette richiede solo da 1/4 a 1/2 cucchiaino di noce moscata per ricetta. Queste ricette sono spesso suddivise in più porzioni, lasciando l’esposizione effettiva alla noce moscata molto insignificante.

Secondo casi di studio dall’Illinois Poison Center, anche 10 grammi (circa 2 cucchiaini) di noce moscata sono sufficienti per causare sintomi di tossicità. A dosi di 50 grammi o più, questi sintomi diventano più gravi.

Come qualsiasi altro farmaco, i pericoli del sovradosaggio di noce moscata possono verificarsi indipendentemente dal metodo di consegna. Secondo la consegna di farmaci dell’Università dello Utah risorsa, i diversi metodi di ingestione possono influenzare la velocità con cui i composti attivi raggiungono il cervello.

L’inalazione, o il fumo, è uno dei metodi di consegna più veloci. L’iniezione di un farmaco direttamente in una vena è la seconda più veloce. Il metodo più lento di somministrazione di un farmaco o di un composto è l’ingestione della sostanza per via orale.

Per questo motivo, i pericoli del consumo di miristicina diventano molto più probabili per coloro che scelgono di utilizzare metodi alternativi di consegna, come l’inalazione o l’iniezione.

L’asporto

Come con qualsiasi sostanza tossica, i rischi superano quasi sempre i benefici. Prima di prendere in considerazione l’utilizzo della noce moscata come sostanza ricreativa per sballarsi, comprendi che esistono gravi rischi associati alla tossicità della miristicina, tra cui insufficienza d’organo e persino la morte.

Per coloro che cercano di evitare un sovradosaggio involontario di noce moscata, considera che cucinare con noce moscata in piccole quantità è sicuro. Quindi, sentiti libero di goderti quella tazza di zabaione o fetta di torta speziata – con moderazione, ovviamente.

Lascia un commento