9 segni e sintomi di carenza di vitamina B6

La vitamina B6, nota anche come piridossina, è una delle otto vitamine del gruppo del complesso B. Anche se è stato scoperto nel 1932, gli scienziati stanno ancora imparando cose nuove al riguardo.

La maggior parte delle persone assume abbastanza vitamina B6 nella propria dieta, ma se si è carenti di altre vitamine del complesso B, come folato e B12, è più probabile che si sia carenti anche di vitamina B6 (1).

La carenza di vitamina B6 è più comune nelle persone con malattie del fegato, dei reni, dell’apparato digerente o autoimmuni, così come nei fumatori, nelle persone obese, negli alcolisti e nelle donne in gravidanza (2, 3, 4).

Nel tuo corpo, la vitamina B6 è coinvolta in più di 150 reazioni enzimatiche. Questi aiutano il tuo corpo a elaborare le proteine, i carboidrati e i grassi che mangi. La vitamina B6 è anche strettamente collegata alle funzioni del tuo sistema nervoso e immunitario (3, 5, 6).

Più recentemente, è stato scoperto che B6 ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Ciò significa che può svolgere un ruolo nell’aiutare a prevenire condizioni croniche come malattie cardiache e cancro (5, 7, 8).

Ecco 9 segni e sintomi di carenza di vitamina B6.

1. Eruzioni cutanee

Segni e sintomi di carenza di vitamina B6Condividi su Pinterest

La carenza di vitamina B6 è una delle cause di un’eruzione cutanea rossa e pruriginosa chiamata dermatite seborroica.

L’eruzione cutanea può comparire sul cuoio capelluto, sul viso, sul collo e sulla parte superiore del torace. È noto per il suo aspetto oleoso e traballante e può causare gonfiore o macchie bianche (9).

Uno dei motivi per cui la carenza di vitamina B6 può provocare eruzioni cutanee è che la vitamina aiuta a sintetizzare il collagene, necessario per una pelle sana. In questi casi, il consumo di vitamina B6 può eliminare rapidamente l’eruzione cutanea (10, 11).

Alcune persone affette da dermatite seborroica possono avere requisiti più elevati per B6. Una crema per il viso B6 ha aiutato alcune persone a migliorare i sintomi della dermatite seborroica (12).

2. Labbra screpolate e irritate

La cheilosi, che è caratterizzata da labbra irritate, arrossate e gonfie con angoli della bocca screpolati, può derivare da una carenza di vitamina B6. Le aree screpolate possono sanguinare e infettarsi.

Oltre ad essere molto doloroso, avere labbra screpolate e doloranti può rendere difficili attività come mangiare e parlare.

La correzione della carenza di vitamina B6 con cibi ricchi di vitamina o un integratore può chiarire questi sintomi.

In particolare, anche le carenze di riboflavina, acido folico, ferro e altri nutrienti possono causare questa condizione, così come il tempo soleggiato, secco o ventoso e altri fattori esterni (13, 14).

3. Lingua irritata e lucida

Se hai una carenza di vitamina B6, la tua lingua può diventare gonfia, dolorante, liscia, infiammata o arrossata. Questa si chiama glossite.

La superficie lucida e liscia della lingua è dovuta alla perdita delle papille. Quelle sono le protuberanze sulla tua lingua. La glossite può causare problemi a masticare, deglutire e parlare.

Il rifornimento B6 tratta la glossite, a condizione che una carenza sia l’unica causa.

Anche le carenze di altri nutrienti, inclusi folato e vitamina B12, possono provocare questa condizione. Può quindi essere necessario consumare una quantità sufficiente di tutte queste vitamine per eliminare la glossite (15).

4. Cambiamenti di umore

Le carenze di B6 possono influenzare il tuo umore, a volte contribuendo a depressione, ansia, irritabilità e aumento della sensazione di dolore (16).

Questo perché B6 è coinvolto nella produzione di diversi neurotrasmettitori, come la serotonina e l’acido gamma-aminobutirrico (GABA). Sia la serotonina che il GABA aiutano a controllare l’ansia, la depressione e le sensazioni di dolore.

Il ruolo di B6 nella lotta a tali problemi di umore è stato testato in una varietà di condizioni.

Ad esempio, in circa la metà degli individui con autismo, l’integrazione con B6 aiuta a ridurre i problemi comportamentali, probabilmente perché aiuta a produrre neurotrasmettitori (17).

La ricerca suggerisce anche che l’assunzione giornaliera di 50-80 mg di integratori B6 può aiutare con i sintomi della sindrome premestruale (PMS), come sbalzi d’umore, irritabilità, ansia e depressione (18, 19).

Una possibile ragione per cui B6 può aiutare con la sindrome premestruale è perché aiuta a produrre la serotonina, che migliora il tuo umore. Gli scienziati stanno facendo più ricerche per capire se le donne che soffrono di sindrome premestruale possono effettivamente avere carenze di vitamine e minerali (19, 20, 21).

5. Funzione immunitaria indebolita

Un sistema immunitario ben funzionante è fondamentale per prevenire infezioni, infiammazioni e vari tipi di cancro. Le carenze di nutrienti, inclusa la vitamina B6, possono disturbare il sistema immunitario.

Più specificamente, una carenza di vitamina B6 può comportare una diminuzione della produzione di anticorpi necessari per combattere le infezioni (22).

Una carenza di vitamina B6 può anche ridurre la produzione di globuli bianchi da parte del corpo, compresi i linfociti T. Queste cellule regolano la funzione immunitaria, aiutandola a rispondere adeguatamente.

Inoltre, B6 aiuta il tuo corpo a produrre una proteina chiamata interleuchina-2, che aiuta a dirigere le azioni dei globuli bianchi (23).

Le persone con disturbi autoimmuni (in cui il sistema immunitario si rivolge contro se stesso), possono avere una maggiore distruzione di B6, che aumenta il bisogno di vitamina (2).

6. Stanchezza e bassa energia

Una carenza di vitamina B6 può farti sentire insolitamente stanco e pigro.

Un motivo importante è il ruolo della vitamina B6 nell’aiutare a produrre emoglobina. Questa è la proteina nei globuli rossi che aiuta a trasportare l’ossigeno in tutto il corpo.

Se le tue cellule non ricevono abbastanza ossigeno a causa di una scarsa emoglobina, si parla di anemia. Questo può farti sentire stanco e debole.

Ci sono stati casi selezionati di anemia correlata alla vitamina B6 in cui l’assunzione della forma inattiva di piridossina cloridrato (HCl) della vitamina non ha aiutato. Tuttavia, l’integrazione con la forma più attiva del corpo di B6, chiamata piridossale 5′-fosfato (PLP), ha risolto l’anemia (16).

È possibile acquistare entrambe le forme di B6 come integratore, ma la piridossina HCl è più comune e generalmente costa meno del PLP.

Oltre a sentirsi stanco per l’anemia, la carenza di vitamina B6 potrebbe anche potenzialmente contribuire alla stanchezza a causa del suo ruolo nel rendere la melatonina, l’ormone che promuove il sonno (24, 25).

7. Formicolio e dolore alle mani e ai piedi

La carenza di vitamina B6 può causare danni ai nervi chiamati neuropatia periferica.

I sintomi possono includere bruciore, lividi e formicolio alle braccia, gambe, mani e piedi. Alcuni lo descrivono come una sensazione di “spilli e aghi”.

Il danno ai nervi può anche provocare goffaggine, problemi di equilibrio e difficoltà a camminare (26).

Inoltre, assumere continuamente una quantità eccessiva della forma inattiva di B6 (piridossina HCl) dagli integratori può anche causare neuropatia. Ciò può accadere perché grandi quantità di B6 inattivo possono competere con e bloccare la forma PLP attiva di B6 nel tuo corpo (27).

I problemi nervosi da carenza di vitamina B6 sono reversibili con un’adeguata assunzione di vitamina B6. D’altra parte, i problemi nervosi dovuti alla tossicità B6 possono essere più difficili da trattare.

8. Convulsioni

Le convulsioni si verificano per diversi motivi, inclusa la carenza di vitamina B6.

Senza abbastanza vitamina B6, non si apportano quantità adeguate di neurotrasmettitore calmante GABA, quindi il cervello potrebbe essere sovrastimolato.

Le convulsioni possono causare sintomi come spasmi muscolari, occhi roteanti e braccia o gambe a scatti. A volte le persone hanno tremore (convulsioni) rapidi e incontrollabili o perdono conoscenza.

È noto che una carenza di vitamina B6 causa convulsioni nei neonati. I primi casi furono notati negli anni ‘1950, quando i bambini venivano nutriti con latte artificiale con B6 insufficiente (26).

Più recentemente, negli adulti sono state segnalate convulsioni dovute a carenza di vitamina B6. Questi casi sono stati riscontrati più comunemente in gravidanza, alcolismo, interazioni farmacologiche o malattie del fegato (6, 28).

La correzione della carenza di vitamina B6 si è dimostrata molto efficace nel trattamento delle crisi correlate.

9. Elevata omocisteina

L’omocisteina è un sottoprodotto creato durante la digestione delle proteine.

Una carenza di B6, così come di folati e B12, può provocare un livello ematico anormalmente alto di omocisteina, poiché queste vitamine del gruppo B sono necessarie per aiutare a processare l’omocisteina (29).

L’aumento dei livelli di omocisteina è stato collegato a diversi problemi di salute, in particolare malattie cardiache e ictus, nonché il morbo di Alzheimer. Quando l’omocisteina è elevata, può danneggiare i vasi sanguigni e i nervi (30, 31, 32, 33).

Fortunatamente, il tuo livello di omocisteina può essere controllato con un semplice esame del sangue. Generalmente, l’omocisteina elevata può essere ridotta assumendo integratori di vitamina B6, B12 e folati.

Tieni presente che anche altri fattori, come le abitudini alimentari e l’attività fisica, sono tipicamente coinvolti nelle malattie legate all’elevata omocisteina e devono essere affrontati.

Alimenti ricchi di vitamina B6

Il tuo corpo non è in grado di immagazzinare molto B6. Per evitare carenze, è necessario consumarlo regolarmente.

Questo generalmente non è difficile da fare, poiché B6 è ampiamente presente in molti alimenti animali e vegetali. Inoltre, viene spesso aggiunto a cibi fortificati come cereali per la colazione e barrette nutrizionali.

L’assunzione giornaliera di riferimento (RDI) di vitamina B6 per gli adulti non gravidi è di 1.7 mg (34).

Ecco alcuni dei migliori alimenti che forniscono naturalmente B6, così come le porzioni comuni (35):

Porzione% RDI Petto di tacchino senza pelle, arrosto 3 g 85% Lonza di maiale arrosto 40 g 3% halibut cotto 85 g 33% Bistecca di manzo alla griglia 3 g 85% Petto di pollo senza pelle , cotto 32 g (3 oz) 85% di salmone selvatico coho, cotto 29 g (3 g) 85% banana Medium (26 g) 3% Patate al forno con pelle Piccoli (85 g) 24% pistacchi arrostiti 118 oz (22 g) 138 % Fette di peperone rosso dolce, crudo 21 tazza (1 g) 28% Prugne 19/1 tazza (92 g) 16% Cavolini di Bruxelles congelati, bolliti 1/4 tazza (33 g) 14% Semi di girasole, tostati 1 oz (2 g) 78% Avocado13 / 1 frutta (28 g) 11% Lenticchie, bollite 1/2 tazza (68 g) 11%

In particolare, le forme di B6 nelle fonti animali e negli alimenti fortificati e negli integratori sono generalmente assorbite meglio rispetto alla forma che si trova negli alimenti vegetali.

Se mangi solo cibi vegetali, potresti aver bisogno di più B6 per compensare questa differenza (36).

The Bottom Line

La vitamina B6 non riceve molto clamore, ma è un nutriente molto laborioso.

Possibili segni e sintomi di carenza di vitamina B6 includono eruzioni cutanee, angoli delle labbra screpolati, lingua lucida, cambiamenti di umore, funzione immunitaria compromessa, stanchezza, dolore ai nervi, convulsioni e livelli elevati di omocisteina.

Se temi di non assumere abbastanza vitamina B6 o di avere una carenza, parla con il tuo medico per determinare la migliore linea d’azione.

Fortunatamente, la carenza di vitamina B6 è generalmente facile da evitare fintanto che si hanno abitudini alimentari sane che includono una varietà di frutta, verdura, noci, carne e pesce.

In alcuni casi, può essere consigliato anche un integratore di vitamina B6.

Lascia un commento