20 alimenti ad alto contenuto di vitamina K.

La vitamina K è un nutriente importante che svolge un ruolo vitale nella coagulazione del sangue e nella salute delle ossa e del cuore.

Sebbene la carenza di vitamina K sia rara, un’assunzione non ottimale può compromettere la salute nel tempo. Un’assunzione inadeguata può causare sanguinamento, indebolire le ossa e potenzialmente aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache (1, 2).

Per questo motivo, dovresti assicurarti di assumere tutta la vitamina K di cui il tuo corpo ha bisogno. Un valore giornaliero (DV) di 120 mcg dovrebbe prevenire l’insufficienza nella maggior parte delle persone.

Questo articolo elenca 20 alimenti che forniscono elevate quantità di vitamina K. Inoltre, include 5 elenchi di fonti di vitamina K classificate per gruppo alimentare.

Sommario

20 alimenti ricchi di vitamina K.

Donna Che Tiene KaleCondividi su Pinterest

La vitamina K è un gruppo di composti divisi in due gruppi: vitamina K1 (fillochinone) e vitamina K2 (menachinone).

La vitamina K1, la forma più comune di vitamina K, si trova principalmente negli alimenti di origine vegetale, in particolare nelle verdure a foglia verde scure. La vitamina K2, d’altra parte, si trova solo negli alimenti di origine animale e negli alimenti vegetali fermentati, come il natto.

I seguenti 20 alimenti sono buone fonti di vitamina K. Per una salute ottimale, includi alcuni di essi nella tua dieta quotidiana.

1. Kale (cotto) – 443% DV per porzione

Mezza tazza: 531 mcg (443% DV)
100 grammi: 817 mcg (681% DV)

2. Senape (cotta) – 346% DV per porzione

Mezza tazza: 415 mcg (346% DV)
100 grammi: 593 mcg (494% DV)

3. Bietole (crude) – 332% DV per porzione

1 foglia: 398 mcg (332% DV)
100 grammi: 830 mcg (692% DV)

4. Cavolo cappuccio (cotto) – 322% DV per porzione

Mezza tazza: 386 mcg (322% DV)
100 grammi: 407 mcg (339% DV)

5. Natto – 261% DV per porzione

1 oncia: 313 mcg (261% DV)
100 grammi: 1,103 mcg (920% DV)

6. Spinaci (crudi) – 121% DV per porzione

1 tazza: 145 mcg (121% DV)
100 grammi: 483 mcg (402% DV)

7. Broccoli (cotti) – 92% DV per porzione

Mezza tazza: 110 mcg (92% DV)
100 grammi: 141 mcg (118% DV)

8. Cavolini di Bruxelles (cotti) – 91% DV per porzione

Mezza tazza: 109 mcg (91% DV)
100 grammi: 140 mcg (117% DV)

9. Fegato di manzo – 60% DV per porzione

1 fetta: 72 mcg (60% DV)
100 grammi: 106 mcg (88% DV)

10. Costolette di maiale – 49% DV per porzione

3 once: 59 mcg (49% DV)
100 grammi: 69 mcg (57% DV)

11. Pollo – 43% DV per porzione

3 once: 51 mcg (43% DV)
100 grammi: 60 mcg (50% DV)

12. Pasta di fegato d’oca – 40% DV per porzione

1 cucchiaio: 48 mcg (40% DV)
100 grammi: 369 mcg (308% DV)

13. Fagiolini (cotti) – 25% DV per porzione

Mezza tazza: 30 mcg (25% DV)
100 grammi: 48 mcg (40% DV)

14. Prugne – 24% DV per porzione

5 pezzi: 28 mcg (24% DV)
100 grammi: 60 mcg (50% DV)

15. Kiwi – 23% DV per porzione

1 frutto: 28 mcg (23% DV)
100 grammi: 40 mcg (34% DV)

16. Olio di semi di soia – 21% DV per porzione

1 cucchiaio: 25 mcg (21% DV)
100 grammi: 184 mcg (153% DV)

17. Formaggi a pasta dura – 20% DV per porzione

1 oncia: 25 mcg (20% DV)
100 grammi: 87 mcg (72% DV)

18. Avocado – 18% DV per porzione

Metà, media: 21 mcg (18% DV)
100 grammi: 21 mcg (18% DV)

19. Piselli (cotti) – 17% DV per porzione

Mezza tazza: 21 mcg (17% DV)
100 grammi: 26 mcg (22% DV)

20. Formaggi a pasta molle – 14% DV per porzione

1 oncia: 17 mcg (14% DV)
100 grammi: 59 mcg (49% DV)

10 verdure ad alto contenuto di vitamina K.

Le migliori fonti di vitamina K1 (fillochinone) sono le verdure a foglia verde scure. Infatti, il prefisso “phyllo” si riferisce alle foglie.

1. Kale (cotto) – 443% DV per porzione

Mezza tazza: 531 mcg (443% DV)
100 grammi: 817 mcg (681% DV)

2. Senape (cotta) – 346% DV per porzione

Mezza tazza: 415 mcg (346% DV)
100 grammi: 593 mcg (494% DV)

3. Bietole (crude) – 332% DV per porzione

1 foglia: 398 mcg (332% DV)
100 grammi: 830 mcg (692% DV)

4. Cavolo cappuccio (cotto) – 322% DV per porzione

Mezza tazza: 386 mcg (322% DV)
100 grammi: 407 mcg (339% DV)

5. Verdure di barbabietola (cotte) – 290% DV per porzione

Mezza tazza: 349 mcg (290% DV)
100 grammi: 484 mcg (403% DV)

6. Prezzemolo (fresco) – 137% DV per porzione

1 rametto: 164 mcg (137% DV)
100 grammi: 1,640 mcg (1,367% DV)

7. Spinaci (crudi) – 121% DV per porzione

1 tazza: 145 mcg (121% DV)
100 grammi: 483 mcg (402% DV)

8. Broccoli (cotti) – 92% DV per porzione

Mezza tazza: 110 mcg (92% DV)
100 grammi: 141 mcg (118% DV)

9. Cavolini di Bruxelles (cotti) – 91% DV per porzione

Mezza tazza: 109 mcg (91% DV)
100 grammi: 140 mcg (117% DV)

10. Cavolo (cotto) – 68% DV per porzione

Mezza tazza: 82 mcg (68% DV)
100 grammi: 109 mcg (91% DV)

10 prodotti a base di carne ricchi di vitamina K.

Le carni grasse e il fegato sono ottime fonti di vitamina K2, anche se il contenuto varia a seconda della dieta dell’animale e può variare a seconda delle regioni o dei produttori.

Le informazioni sul contenuto di vitamina K2 degli alimenti di origine animale sono incomplete, ma sono stati condotti alcuni studi (3, 4, 5, 6, 7).

Di seguito sono riportati 10 alimenti che forniscono quantità buone o moderate di vitamina K2.

1. Fegato di manzo – 60% DV per porzione

1 fetta: 72 mcg (60% DV)
100 grammi: 106 mcg (88% DV)

2. Costolette di maiale – 49% DV per porzione

3 once: 59 mcg (49% DV)
100 grammi: 69 mcg (57% DV)

3. Pollo – 43% DV per porzione

3 once: 51 mcg (43% DV)
100 grammi: 60 mcg (50% DV)

4. Pasta di fegato d’oca – 40% DV per porzione

1 cucchiaio: 48 mcg (40% DV)
100 grammi: 369 mcg (308% DV)

5. Pancetta – 25% DV per porzione

3 once: 30 mcg (25% DV)
100 grammi: 35 mcg (29% DV)

6. Carne di manzo macinata – 7% DV per porzione

3 once: 8 mcg (7% DV)
100 grammi: 9.4 mcg (8% DV)

7. Fegato di maiale – 6% DV per porzione

3 once: 6.6 mcg (6% DV)
100 grammi: 7.8 mcg (7% DV)

8. Petto d’anatra – 4% DV per porzione

3 once: 4.7 mcg (4% DV)
100 grammi: 5.5 mcg (5% DV)

9. Reni di manzo – 4% DV per porzione

3 once: 4.9 mcg (4% DV)
100 grammi: 5.7 mcg (5% DV)

10. Fegato di pollo – 3% DV per porzione

1 oncia: 3.6 mcg (3% DV)
100 grammi: 13 mcg (11% DV)

10 latticini e uova ad alto contenuto di vitamina K.

I latticini e le uova sono buone fonti di vitamina K2.

Proprio come la carne, il loro contenuto di vitamine dipende dalla dieta dell’animale e i valori variano in base alla regione o al produttore.

1. Formaggi a pasta dura – 20% DV per porzione

1 oncia: 25 mcg (20% DV)
100 grammi: 87 mcg (72% DV)

2. Formaggio Jarlsberg – 19% DV per porzione

1 fetta: 22 mcg (19% DV)
100 grammi: 80 mcg (66% DV)

3. Formaggi a pasta molle – 14% DV per porzione

1 oncia: 17 mcg (14% DV)
100 grammi: 59 mcg (49% DV)

4. Formaggio Edam – 11% DV per porzione

1 fetta: 13 mcg (11% DV)
100 grammi: 49 mcg (41% DV)

5. Blue Cheese – 9% DV per porzione

1 oncia: 10 mcg (9% DV)
100 grammi: 36 mcg (30% DV)

6. Tuorlo d’uovo – 5% DV per porzione

1 grande: 5.8 mcg (5% DV)
100 grammi: 34 mcg (29% DV)

7. Cheddar – 3% DV per porzione

1 oncia: 3.7 mcg (3% DV)
100 grammi: 13 mcg (11% DV)

8. Latte intero – 3% DV per porzione

1 tazza: 3.2 mcg (3% DV)
100 grammi: 1.3 mcg (1% DV)

9. Burro – 2% DV per porzione

1 cucchiaio: 3 mcg (2% DV)
100 grammi: 21 mcg (18% DV)

10. Crema – 2% DV per porzione

2 cucchiai: 2.7 mcg (2% DV)
100 grammi: 9 mcg (8% DV)

10 frutti ricchi di vitamina K.

I frutti generalmente non contengono tanta vitamina K1 quanto le verdure a foglia verde, ma pochi forniscono quantità decenti.

1. Prugne – 24% DV per porzione

5 pezzi: 28 mcg (24% DV)
100 grammi: 60 mcg (50% DV)

2. Kiwi – 23% DV per porzione

1 frutto: 28 mcg (23% DV)
100 grammi: 40 mcg (34% DV)

3. Avocado – 18% DV per porzione

Metà, media: 21 mcg (18% DV)
100 grammi: 21 mcg (18% DV)

4. More – 12% DV per porzione

Mezza tazza: 14 mcg (12% DV)
100 grammi: 20 mcg (17% DV)

5. Mirtilli – 12% DV per porzione

Mezza tazza: 14 mcg (12% DV)
100 grammi: 19 mcg (16% DV)

6. Melograno – 12% DV per porzione

Mezza tazza: 14 mcg (12% DV)
100 grammi: 16 mcg (14% DV)

7. Fichi (essiccati) – 6% DV per porzione

5 pezzi: 6.6 mcg (6% DV)
100 grammi: 16 mcg (13% DV)

8. Pomodori (essiccati al sole) – 4% DV per porzione

5 pezzi: 4.3 mcg (4% DV)
100 grammi: 43 mcg (36% DV)

9. Uva – 3% DV per porzione

10 uva: 3.5 mcg (3% DV)
100 grammi: 15 mcg (12% DV)

10. Ribes rosso – 3% DV per porzione

1 oncia: 3.1 mcg (3% DV)
100 grammi: 11 mcg (9% DV)

10 noci e legumi ricchi di vitamina K.

Alcuni legumi e noci forniscono una discreta quantità di vitamina K1 ma generalmente forniscono molto meno delle verdure a foglia verde.

1. Fagiolini (cotti) – 25% DV per porzione

Mezza tazza: 30 mcg (25% DV)
100 grammi: 48 mcg (40% DV)

2. Piselli (cotti) – 17% DV per porzione

Mezza tazza: 21 mcg (17% DV)
100 grammi: 26 mcg (22% DV)

3. Soia (cotta) – 13% DV per porzione

Mezza tazza: 16 mcg (13% DV)
100 grammi: 33 mcg (28% DV)

4. Fagioli verdi germogliati (cotti) – 12% DV per porzione

Mezza tazza: 14 mcg (12% DV)
100 grammi: 23 mcg (19% DV)

5. Anacardi – 8% DV per porzione

1 oncia: 9.7 mcg (8% DV)
100 grammi: 34 mcg (28% DV)

6. Fagioli rossi (cotti) – 6% DV per porzione

Mezza tazza: 7.4 mcg (6% DV)
100 grammi: 8.4 mcg (7% DV)

7. Nocciole – 3% DV per porzione

1 oncia: 4 mcg (3% DV)
100 grammi: 14 mcg (12% DV)

8. Pinoli – 1% DV per porzione

10 noci: 0.9 mcg (1% DV)
100 grammi: 54 mcg (45% DV)

9. Pecan – 1% DV per porzione

1 oncia: 1 mcg (1% DV)
100 grammi: 3.5 mcg (3% DV)

10. Noci – 1% DV per porzione

1 oncia: 0.8 mcg (1% DV)
100 grammi: 2.7 mcg (2% DV)

Come soddisfi i tuoi requisiti di vitamina K?

Le fonti più ricche di vitamina K1 sono le verdure a foglia verde scure. Ad esempio, solo mezza tazza di cavolo fornisce circa il 443% del valore giornaliero.

Per ottenere il massimo dalla vitamina K nel cavolo e in altri alimenti vegetali, prendi in considerazione di mangiarli con un po ‘di grasso o olio. Questo perché la vitamina K è liposolubile e può essere assorbita meglio se combinata con i grassi.

La vitamina K2 si trova solo negli alimenti di origine animale e in alcuni piatti fermentati. Piccole quantità sono prodotte anche dai batteri intestinali (8).

Il natto, un piatto giapponese a base di soia fermentata, è una delle migliori fonti di vitamina K2. Altre buone fonti includono carne, fegato e formaggio (9).

L’evidenza suggerisce che il metabolismo e le funzioni della vitamina K1 e K2 sono leggermente diversi, sebbene questo non sia ancora del tutto compreso (10, 11, 12).

Al momento, le linee guida dietetiche non fanno distinzione tra i due. Tuttavia, è probabilmente una buona idea includerli entrambi nella dieta.

Lascia un commento